sabato 28 febbraio 2009

.... Il gioco della vita


Il gioco della vita si perpetua nel tempo


alte nuvole piangono su terreni incolti

il Tempio cede le sue pietre

non c'è più traccia di attenzione sulla Via

una via che si lastrica d'infamia

striduli suoni lacerano il buio del silenzio

lame di luce inseguono un uomo che corre

non ha più meta

rincorre se stesso e non sa più ritrovarsi.

a
...

16 commenti:

Lara ha detto...

Tutto si sgretola e l'uomo non sa più ritrovarsi ...

Caro Acquachiara sono versi molto amari che riflettono la nostra realtà.

Ti abbraccio :)

desaparecida ha detto...

mi mettono molta tristezza queste parole....
vere,tristi da cambiare nel presente!
Un abbraccio

Pupottina ha detto...

^_____________^

buon weekend

caramella-fondente ha detto...

Nel buio del silenzio
vagano pensieri,
immagini,
colori,
suoni...

Ricordi.
Talvolta graditi,
spesso rinnegati.

Sogni.
A volte impossibili,
spesso più vicini
di quanto possiamo credere.

E tutt'attorno è il silenzio:
il sensuale canto della notte
che ci guida verso la rinascita
di un nuovo giorno nel quale ritrovarsi

Ciao Dolce Acqua....
:-)

acquachiara ha detto...

Lara
non ci si può nascondere dietro un dito, non cadiamo nella rabbia ma nemmeno facciamo finta di niente :)))

acquachiara ha detto...

Desa
lo so ma c'è anche questo e certamente ognuno di noi puo cambiarlo nella sua interiorità
:)))

acquachiara ha detto...

Pupottina
grazie, buona domenica anche a te :)))

acquachiara ha detto...

Caramella
Grazie per queste belle parole che lasciano spazio ad una giusta speranza che si vede con gli occhi del cuore :)))

Albachiara ha detto...

Nel corso della vita, a volte, eventi che non dipendono dal nostro volere ci fanno perdere, è vero, ed è con difficoltà che arranchiamo per ritrovare la luce. IE' difficile risalire a galla, ci vuole grande forza e speranza.
Parole tristi che rispecchiano però alcuni stati d'animo conseguenti a spiacevoli avvenimenti.
Un abbraccio e buon inizio settimana

Alberto ha detto...

Perdersi e ritrovarsi sono due aspetti della vita, come la bassa marea e l'alta marea oppure come l'inverno e l'estate...
...L'importante è ricordarsi che siamo in prestito e che conta di più un sorriso che mille montagne d'oro. ;-)

Un abbraccio disperso :-)

Bianca 2007 ha detto...

"RICORDARSI CHE SIAMO IN PRESTITO".
L'essenziale è tutta nella frase di Alberto e,un sorriso spontaneo,gratuito,felice di fissarsi negli occhi foss'anche solo per un'istante,costa veramente poco e può illuminre anche un giorno di pioggia forte.Ciao cara e dolce Acqua chiara,Bianca 2007

acquachiara ha detto...

Albachiara
si è difficile ma sempre possibilità di scelta, ma nel guardarsi intorno non sempre l'immagine che vediamo è bella :)))

acquachiara ha detto...

Alberto
è che sono molti di più quelli impegnati a costruire montagne d'oro, piuttosto che a sorridere.
Il bello serebbe non perdersi proprio.
un abbraccio :)))

acquachiara ha detto...

Bianca
è vero, ma quanta poca disponibilità che si incontra.
un abbraccio :)))

Guernica ha detto...

Non saper trovarsi è davvero doloroso. Penso che è quello che sta accadendo al mondo. Di non trovarsi.
Ma quelle lame di luce potrebbero aiutarci?
Allora perchè ci ostiniamo a dar loro le spalle?
Tutto è a portata di mano, eppure tutto sfugge.

Kleys ha detto...

bellissima questa immagine dell'uomo che corre senza trovarsi...
e molto vera.
un bacio