mercoledì 26 novembre 2008

ac 01.10.01

Sulle strade del tempo percorriamo spazi infiniti
dominati dall'Amore, nulla vi sarà regalato,
dovrete conquistare ogni passo del vostro percorso.

Dovrete crescere, crescere nell'Amore,
conoscere l'Amore, vivere l'Amore,
vivere il vostro tempo con Amore infinito.

La Luce vi sarà guida nell'oscurità del cammino,
la pace sarà la vostra consolazione,
il vento cosmico allevierà la vostra fatica,
non dubitate, percorrete la via,
non temete la trasformazione,
in essa alberga la crescita,
non temete l'Amore in lui è la vita.

Se perdete l'Amore perderete voi stessi,
siete fatti di Amore, e per Amore vivete.

. . .


16 commenti:

digito ergo sum ha detto...

siamo fatti d'amore e per amore, viviamo per amore. ma d'amore non si vive mica.

bellissimo, come al solito.

un abbraccio

Ishtar ha detto...

Ecco allora dato il momento che sto vivendo io dico all'universo ridammi la luce per poter capire e seguire nuovamente la via dell'amore, ciao

Miss Ampersand ha detto...

Io Amo la Vita. E penso che questo sia sufficiente.

G.

acquachiara ha detto...

Digito
In India si dice che nella notte dei tempi Brama era solo e si annoiava, fu per questo che decise di frazionarsi, per potersi Amare, dando il via alla Creazione.
Senza quell'Amore nulla avrebbe vita, compresi noi :-))))

acquachiara ha detto...

digito ps:
grassie ;-))))

acquachiara ha detto...

Ishtar

una bellissima richiesta e ti auguro che,non solo sia ascoltata ma anche esaudita e che sul tuo cammino ci sia l'Amore in tutte le sue forme.
un abbraccio :-)))

acquachiara ha detto...

Miss Ampersand

la vita è Tutto e tutto è vita in ogni forma, in ogni tempo, in ogni spazio, non c'è alcuna separazione nell'amare tutto :-)))

Miss Ampersand ha detto...

Io penso che ci sia stata data una grossa opportunità con il dono della Vita. Sta a noi saperla sfruttare al massimo e secondo me l'unico modo per farlo è Amare.
Ciò non significa che io ami qualsiasi cosa, amo solamente ciò da cui la realtà è animata, il suo intrinseco principio vitale.

acquachiara ha detto...

Miss Ampersand

La vita su questo pianeta è un'opportunità enorme davvero, pare che non ci sia un altro piano evolutivo più veloce e grande di questo, è l'essere umano che poi deve avere la capacita e l'intelligenza di cogliere questa opportunità senza diluirla troppo nel tempo.
Per questo che dicevo che non c'è separazione, dal più piccolo dei "quanti di luce" alla più "maestosa galassia" è tutto sorretto dallo stesso principio, tutto vive ed evolve, cambiano solo i tempi, noi che abbiamo raggiunto questa forma forma veniamo da un lungo cammino attraverso la materia che si è unito con l'espressione più alta dello spirito vitale Divino.
Non sempre ci si rende conto di quanto valore possa avere una vita in un corpo umano.
:-))))

Miss Ampersand ha detto...

Hai proprio ragione, caro Acquachiara. E come diceva Eraclito, "pantha rei". Tutto scorre.

:-) Buonanotte.

stefania ha detto...

Giustissimo ACQUA "Non sempre ci si rende conto di quanto valore possa avere una vita in un corpo umano".
SPECIALMENTE IN QUESTI TEMPI COSI'TERRIBILMENTE SCURI, si avverte prepotentemente di quanto non si dia valore a NULLA, LA VITA E LA DIGNITA' DELL'UOMO viene continuamente annullata.
Come se della Sua origine non ci fosse menmoria, giusto quel che dice Digito di amore non si vive sempre......bisogna anche mangiare e avere una casa, non si possono annullare i sogni e le speranze di tanti, troppe famiglie strozzate e senza speranze reali.
Dopo aver fatto queste considera-
zioni rimane l'attaccamento e la
consapevolezza, che noi Umanita'
non siamo Nulla ma una parte
integrande del Tutto e allora
come agire?....a questa domanda mi
rimane difficile rispondere, potrei dire nella contemplazione ma quando si hanno dei figli che mangiano tutti i giorni non e' possibile.............ALLORA FORSE
E' ARRIVATO IL MOMENTO DELLA BATTA-
GLIA.
Chissa'
Ishtar quella luce bisogna conquistarsela, non sempre viene profusa a tutti gratuitamente, un
bacio e prosegui sempre.

anna ha detto...

ciao, solo un messaggio di prova e saluto.
:-)

acquachiara ha detto...

Miss Ampersand
Certo tutto sempre va come deve amdare, nulla succede a caso, ma questo non impedisce di pensare e sapere che potrebbe anche andare molto meglio, specie per l'essere umano, dipende da lui :-))

acquachiara ha detto...

Stefania
Come agire ?
Penso innanzitutto vivere, continuando a lavorare su se stessi, ma anche con estrema attenzione alle cose che circondano la nostra vita per cercare di vedere in loro quei suggerimenti utili al nostro agire.
Aumentare ancora l'attenzione nei confronti del nostro pensiero e del nostro intento, limitare fino ad eliminare tutti quei pensieri/parole che possono produrre effetti negativi.
Di certo l'ambiente non aiuta, ma è proprio per questo che bisogna impegnarsi ancora di più nell'aspetto interiore delle azioni, se battaglia c'è, parte sempre dal piano energetico.
" Togli acqua dal mare dell'ignoranza e morirà di sete "
un abbraccio :-))))

stefania ha detto...

Non so cosa dire Acqua ci sono situazioni particolari che l'essere umano si trova o trovera' a fronteggiare sempre di piu' e, quando non si e' soli a subire la fame e il senza tetto non e' facile, vedo sempre di piu' caos e disordine interiore malvagio.
Forse la crescita e' pure prendere coscienza di tutto questo, pensare
a chi si trova o trovera' nel disagio assoluto e usando una coscienza collettiva si possono cambiare molte cose.
Vedere nell'altro il Divino significa rispettarlo e amarlo e,
quando si ama l'energia e' perfetta, nell'unione e nell'evoluzioni si combattono molte
battaglie.
La parola data vola come morbida farfalla in un oceano d'iniquita',
siamo qui in questo periodo per la crescita interiore e per portare avanti grandi situazioni.
smak

acquachiara ha detto...

Stefania
Purtroppo l'essere umano è per natura schematica egoista e deve fare uno sforzo di volontà per mettere in pratica il concetto di reale solidarietà, solo quando viene toccato personalmente comprende e si rende conto di una situazione, diversamente rimane impegnato nella costruzione della propria torre.
Nei Tarocchi, la torre è raffigurata con un fulmine che la scoperchia proprio a significare questo principio evolutivo, ovvero, e nel perdere la torre che possiamo vedere la realtà che ci circonda, perchè nel costruirla siamo rimasti prigionieri all'interno della nostra stessa costruzione.
Molte torri sono state costruite impedendo la naturale evoluzione dell'essere umano, ma ora gli eventi le stanno scoperchiando per permettere a chi ne era prigioniero di vedere la realtà, sarà poi sempre lui a decidere come interpretare e come agire in questa realtà.
Come tutte le medaglie ha due facce, si può farne una grande opportunità di crescita o vederne una maledizione, in ogni caso ognuno determinerà il suo cammino con la sua scelta.
:-)))