giovedì 3 aprile 2008

5 aprile del 1291


Giovedì 5 aprile del 1291

sulla pianura antistante la città di S. Giovanni d'ACRI
si radunò un esercito di 220.000 uomini, sessantamila
Cavalieri e centosessantamila fanti al comando del
Sultano al-Ashraf Khalil.

All'interno della città un migliaio di Templari (forse 2500)
e circa diecimila soldati di varia estrazione, abbandonati
e traditi dalle Corone europee e dalla chiesa, troppo
impegnate in beghe di potere interno per intervenire.
si apprestavano all'ultima strenua e inutile difesa.

Il giorno dopo iniziava l'attacco alle fortificazioni e durante
l'assedio di Acri il Gran Maestro, Guglielmo di Beaujeu,
moriva nel corso di una rischiosa sortita contro le
preponderanti
forze nemiche nel tentativo di distruggere
le catapulte
avversarie che aprivano varchi sempre più
ampi nelle mura.

La lotta è durissima. Furiosi combattimenti sono segnalati
in
ogni zona, i quartieri cadono uno dopo l'altro nelle mani
del nemico,
i Templari rispondono con coraggio e
abnegazione, anche se
il Gran Maestro è caduto sul campo.

venerdi 18 Maggio 1291 cade il quartiere della
Rocca dei Templari
gli ultimi superstiti si asserragliarono
nella torre Templare che
cederà il 28 Maggio 1291
con la fine degli ultimi coraggiosi e di

2000 soldati del Sultano.

il sultano diventa padrone di San Giovanni d'Acri.

Tutti i dignitari dell'Ordine periscono tra le mura della città,
"versando il proprio sangue nel nome di Cristo e ......
in difesa della fede Cristiana"

Ho messo dei puntini prima della fede Cristiana perchè
se è vero che morirono nel Nome di Cristo, va interpretato
il concetto di fede cristiana che non si identifica ne con
la chiesa ne con la religione che ne deriva, ma era frutto
di un "Giuramento Permanente" e indissolubile fatto in
nome del Maestro Gesù Cristo e del suo vero insegnamento

Anche se a volte ci furono contrasti tra il comando Crociato
e
gli ordini Militari, la loro reputazione di Combattenti non
vacillò mai,
in varie occasioni i Templari furono decisivi per
la sorte di una
battaglia e sempre comunque si schierarono
in prima fila di
fronte all'esercito nemico.

Il loro sacrificio in termini di vite umane fu enorme.
Ma sapevano che li attendeva un destino tragico
contro il quale non seppero o non vollero reagire...

La chiesa ancora si macchiò di tradimento nei loro confronti
il Papa , allora ad Avignone, permise il crimine e non si oppose
al re di Francia che oberato dai debiti nei confronti dell'Ordine
decise di appropriarsi dei loro beni sterminandoli.

< § >


14 commenti:

Kleys ha detto...

è interessantissimo e affascinante leggere queste storie... mi piacerebbe saperne di più, ma ho idea che sia un'impresa impossibile data la vastità dell'argomento...
grazie per queste pillole.

Bleek ha detto...

Ha dei richiami curiosi con l'attualità, almeno così li ho visti...

Anonimo ha detto...

TERRIBILE
quanto affascinante è sempre la STORIA.E quella che racconti tu,mi colpisce particolarmente.Inganni,infedeltà,abbandoni,morti.Che visione apocalittica.La fedeltà è sempre difficile da capire,perchè è la scelta sacrale,che restituisce il momento originario dell'accordo preso,secondo il Volere Divino;perciò è un grado ineffabile.Ma c'è pure una lealtà verso la verità di se medesimi,la venerazione della realtà che si lascia ravvisare e contemplare in un essere vivo,che per l'uomo (ma anche per la donna) riassume l'intero universo.Perciò può essere anche l'inizio dell'amore verso l'intero universo che,prima che possa divenire realtà umana,deve prima attuare in sè il proprio elemento universo,essere amore universo,ridestatore e ridestato.Non fu così che nel Venerdi Santo,Parsifal comprese la propria scelta sacrale,il senso della sua fedeltà aKondwiramur,come fedeltà al Graal? Malgrado non conoscesse ancora il Mistero del Cristo,egli era rimasto in raporto con esso,mediante la fedeltà alla sua donna.Allorchè aveva abattuto l'invincibile Gramoflanz,questi aveva voluto sapere chi fosse il suo vincitore e udito da Prsifal il suo nome,aveva detto:"Sono lieto perchè muoio per mano del miglior cavaliere del mondo".Era sopraggiunta Orgeleuse per offrirsi come premio al vincitore,ma Parsifal l'aveva respinta,dicendole"Non per te ho combattuto" e aveva ripreso il suo cammino. Quando ascolto Wagner,ripenso a questo e mi commuovo.Bianca 2007

Alberto ha detto...

Affascinante questo "domani avvenne", non ne conoscevo la storia. Grazie.

Un abbraccio templare :-)

acquachiara ha detto...

Kleys
Dipende sempre da quanta curiosità o desiderio di conoscere si ha nei confronti di un argomento. il difficile è districarsi tra descrizione della realtà e interpretazione della medesima per convenienza di chi l'ha scritto :-)

acquachiara ha detto...

bleek
la storia è ciclica e l'uomo sembra non aver imparato nulla dai fatti accaduti, almeno in senso generale perché gli oppressori e i traditori hanno imparato molto nell'affinare le loro attività illecite :-)

acquachiara ha detto...

Bianca
Grande Wagner :-)

Dei Templari si è detto di tutto, ma credo che la vera storia, quella degli ideali e degli aspetti esoterici/iniziatici, forse non la conosce nessuno, non dimentichiamo che quelli che sapevano veramente come stavano le cose, i Templari, erano anche gli unici che avevano tutto l'interesse che non trapelasse nulla, molti dei nobili che sono confluiti nell'Ordine erano di origine Catara, anche loro sterminati con l'inganno dalla chiesa e dalle sue crociate contro gli Albigesi.
Ma la vera origine potrebbe essere molto più indietro con aspetti di conoscenza e verità che ancora oggi nessuno conosce, ma che la chiesa sta ancora cercando con ogni mezzo per distruggerle o almeno occultarle in quanto potrebbero rappresentare la distruzione del suo potere temporale :-)

acquachiara ha detto...

alberto
grazie a te
diciamo che le cose scomode non vengono tanto pubblicizzate e bisogna andarle a cercare :-)

desaparecida ha detto...

ehm....x ora nn ho letto,
ma ti lascio la mia impronta!:)

Kleys ha detto...

sì, è vero. ed ammetto che è un argomento che mi incuriosisce ma a cui, almeno per ora, non mi sento di applicarmi con disciplina di studio...
però mi piace ricevere piccoli assaggi da una fonte certa :)

acquachiara ha detto...

desa
quando vuoi :-)

acquachiara ha detto...

kleys
grazie, io ci provo :-D

Nadir ha detto...

Ho letto qualcosa di storico e anche di romanzato, i fatti ineluttabili sono che la lotta per il potere richiede sempre delle vittime, e più sono scomode nella loro posizione, prima saranno eliminate.

acquachiara ha detto...

nadir
Purtroppo è così, la lotta tra bene e male non ha mai fine e i Templari erano potenti ma giusti, quindi non solo scomodi ma potevano rimettere in discussione molte cose :-)